Cosa è una serra idroponica e quali vantaggi offre

COSA È UNA SERRA IDROPONICA

Parola d’ordine: serra idroponica! Vi raccontiamo quant’è facile iniziare

Le origini delle colture “senza suolo” risalgono all’antichità, secondo qualche ottimista anche per quel che riguarda i semi di cannabis. I giardini pensili Babilonesi, costruiti intorno al 590 a.C., sono uno splendido esempio da apportare, seppure non possiamo considerarle vere e proprie coltivazioni fuori dal suolo.

Ma non avevamo detto che avremmo lavorato la terra come i nonni? Come si fa “senza suolo”?

Non c’è niente di trascendentale, leggendo.. leggendo tutto diverrà chiaro: per realizzare una serra idroponica c’è bisogno di altri tipi di “suolo”. Il comune terreno può essere infatti sostituito da un substrato inerte (zeolite, argilla espansa, fibra di cocco..) e sporcarsi le mani non è un optional.

Via i guanti se volete avere soddisfazione e gustarvi il contatto con la natura e mettere a dimora le vostre semenze, laddove sia legale anche i semi di marijuana.

Come funziona una serra idroponica?

serra idroponica e semi di cannabis

Le tipologie di sistemi idroponici sono centinaia e si possono classificare in vario modo. Ognuno di essi è riconducibile a 5 principali modelli: Wick, Acqua Cultura, Ebb and Flow, a gocciolamento, Nutrient Film Technique.

Non molto distante da tutto ciò si trova l’aeroponica. Ne parleremo un’altra volta.

In sintesi, la serra idroponica prevede la coltivazione della pianta attraverso l’immersione delle sue radici in soluzioni di sali nutritivi e acqua. Attraverso questo sistema, mentre la pianta cresce è possibile controllare la quantità e la qualità dell’acqua, con tutto ciò che in essa si trova.

Il coltivatore della serra idroponica deve innanzitutto occuparsi di regolare la composizione dei nutrienti, essere attento alla frequenza di somministrazione e seguire con cura l’ambiente in cui la pianta cresce.

E’ stato Jean Boussingault (1802,1887), chimico e agronomo francese, ad attestare nel 1840 la possibilità che le piante potessero crescere su substrati differenti dalla terra, impiegando soluzioni di sostanze chimiche disciolte, al tempo conosciute.

Altri studiosi si sono poi impegnati nella ricerca di soluzioni ottimali per la crescita della pianta, sperimentando nel processo varie sostanze minerali.

Nel tempo diverse rivoluzioni si sono succedute anche per quanto riguarda la struttura degli impianti e così dai laboratori sperimentali, passando per i cultori di botanica, si è arrivati ad un impiego diffuso su scala commerciale.

Oggi la disponibilità di materiali economici e i vantaggi personali che si traggono dall’utilizzo dei sistemi idroponici sono solo alcuni degli elementi per cui questi metodi di coltivazione hanno ripreso ad espandersi (in una maniera importante).

Leggi anche: Low stress training: cos’è e come si esegue sulla marijuana

Quali sono i vantaggi nel realizzare e utilizzare la serra idroponica?

coltivare semi di marijuana con serra idroponica

Non a caso i giardini pensili di cui vi raccontavamo sopra erano situati sui tetti della reggia e delle abitazioni nobiliari di Babilonia. Abbiamo approfondito la questione perché noi di Sensory Seeds siamo attenti all’ambiente, ci sta a cuore il tema.

Non si sa quale fosse la fonte dei minerali utilizzati per la coltivazione dei giardini ma è certo che un obiettivo fosse quello di creare uno speciale microclima intorno alle residenze. Grazie a queste tecniche di coltura si riuscivano ad attenuare (senza inquinare) le temperature torride dell’area in cui questo popolo viveva.

Oggi i vantaggi sono tanti sia per l’individuo che per la situazione globale. La serra idroponica può essere una carta interessante da giocare nelle proprie abitazioni; a più alti livelli si è diffusa anche in considerazione dell’enorme impatto che hanno i metodi di coltivazione tradizionale sul pianeta.

Vantaggi basilari:

  • minore spreco d’acqua e di sostanze nutritive
  • minore possibilità di inquinamento del suolo e delle acque
  • riduzione dei costi di coltivazione
  • possibilità di un’agricoltura sostenibile
  • produzione controllata
  • velocità di produzione

Leggi anche: Quali sono i migliori tipi di erba? 3 tipi per 3 esigenze (specifiche)

Tecniche di coltivazione e semi cannabis

Qui nel blog di Sensoryseeds, siamo certi che per gli appassionati, parlare di velocità e coltura può subito scatenare nella mente l’immagine della cannabis fast flowering.

E’ vero che occuparsi di piante, coltivando secondo le tecniche dell’idroponica, permette una produzione più rapida e quindi (a chiunque abbia nozioni utili) sembrerà di operare con semi veloci. In realtà i fattori che determinano la velocità della serra idroponica sono altri.

Ricorda, tuttavia, che portare a germinazione i semi di cannabis non è consentito dalla legge italiana, quindi non te lo consigliamo!

I semi di marijuana online sul catalogo Sensory seed sono venduti solamente per scopo collezionistico. Nello shop potrete trovare anche i prodotti dell’importante banca dei semi BSF seeds.

In ogni caso, che compriate semi di cannabis online o nei growshop presenti sul territorio, il connubio “serra idroponica / cannabis” non è legale nel nostro paese.

Vi auguriamo, quindi, di trovare sempre i semi da collezione che desiderate nel nostro shop, di essere soddisfatti dai nostri contenuti del blog e di fare ottime esperienze con sistemi idroponici ed innovativi che possano migliorare lo stile di vita di ognuno.