Gli effetti del bisabololo, un terpene contenuto nella cannabis e nella camomilla

Bisabololo: un terpene della cannabis

Quali sono le proprietà benefiche di questo terpene

Da grande appassionato (o appassionata) di cannabis quale sei, probabilmente non ti lasci sfuggire nemmeno una delle occasioni in cui capita di poter scoprire qualcosa di nuovo su questa pianta. Tra gli aspetti più interessanti della canapa c’è sicuramente quello riguardante le sue svariate proprietà. All’interno della sua composizione organica, però, ci sono diversi elementi ognuno dei quali ha determinati effetti.

Uno di questi elementi è il bisabololo, e nelle prossime righe scoprirai che cos’è, quali sono le sue proprietà principali e in quali prodotti viene utilizzato.

Bisabololo CBD

Bisabololo: cos’è e dove si trova

Niente di strano che quando hai sentito nominare per la prima volta il bisabololo tu abbia pensato a uno scioglilingua o a un parente lontano dei 7 nani di Biancaneve. Dietro un nome buffo e particolare come questo però c’è un terpene molto importante che viene utilizzato in vari ambiti. Nel caso non lo sapessi, i terpeni sono dei composti organici prodotti dalle piante e da alcuni insetti.

Il bisabololo è molto conosciuto tra gli amanti e gli appassionati di cannabis. In alcune genetiche di questa pianta, infatti, è possibile trovare questo terpene. Oltre a essere presente nelle piante nate dalla germinazione dei semi di cannabis, il bisabololo è uno dei derivati più famosi della camomilla ed è un elemento caratterizzante della candeia, un albero che cresce in Brasile. Dotato di un aroma inconfondibile che sa di camomilla (non a caso), mela e miele, questo terpene può essere creato sinteticamente.

Ma al di là della particolarità del suo nome e delle piante in cui è presente, il bisabololo è noto soprattutto per le sue numerose proprietà benefiche. Scopriamo quali sono.

Leggi anche: Foxtailing: cosa significa quando la cannabis produce cime a coda di volpe

Gli effetti positivi del bisabololo

Nel mondo della cosmetica il bisabololo è piuttosto famoso poiché viene utilizzato in maniera massiccia nella composizione di vari prodotti. Il motivo? Ha proprietà lenitive e antinfiammatorie per la pelle. Tuttavia, le proprietà più interessanti di questo terpene sono quelle terapeutiche. E non sono poche.

Partiamo da quelle analgesiche. In base a diversi studi scientifici, il bisabololo sarebbe un ottimo antidolorifico in grado di ridurre sia le sensazioni di dolore sia i processi infiammatori, in particolare quelli cutanei. Uno studio del 2016 ha evidenziato anche la presunta efficacia di questo terpene nel trattamento delle lesioni ai reni e nella loro prevenzione grazie alle sue proprietà antiossidanti.

Tra le caratteristiche del bisabololo ci sarebbero anche la capacità di proteggere l’apparato digerente, di svolgere azioni antimicotiche e antibatteriche, nonché di avere un effetto antimicrobico utile nel trattamento dell’alitosi (non a caso, questo terpene è spesso presente nei prodotti per l’igiene orale come dentifrici e collutori).

Ma non è tutto! Alcuni studiosi, infatti, sostengono che l’assunzione di bisabololo favorisca il rilassamento e risulti utilissima nel trattamento dei disturbi dovuti all’ansia. Inoltre la ricerca scientifica ha mostrato risultati incoraggianti anche in merito alla capacità di questo terpene di inibire la crescita delle cellule tumorali alle ovaie, alla prostata, alla pelle e alle mammelle.

Insomma, il bisabololo è al centro di diversi studi e non ci sarebbe da stupirsi se nei prossimi anni dovessero emergere nuove proprietà e nuovi campi di applicazione. E a tal proposito, vediamo in quali prodotti viene utilizzato.

Le proprietà del bisabololo

Come viene usato il bisabololo

Al di là del fatto che venga estratto dalla pianta di cannabis o dalla camomilla oppure prodotto sinteticamente, il bisabololo viene usato in svariate tipologie di prodotti. Come già anticipato in precedenza, si fa ricorso a questo terpene nella cosmetica, specialmente nei prodotti per la cura della pelle come le creme solari, le lozioni e gli oli.

Un altro prodotto in cui il bisabololo può essere presente tra gli ingredienti è l’olio di CBD. Proprio così, un estratto della cannabis che viene aggiunto a un estratto di uno dei più importanti principi attivi presenti in essa. L’integrazione dell’olio di CBD con questo terpene ha lo scopo di amplificare gli effetti rilassanti e lenitivi tipici del cannabidiolo. Anche in alcuni liquidi per la sigaretta elettronica vengono inseriti i terpeni (bisabololo incluso), prevalentemente per potenziarne la resa aromatica.

E in tema di aromi, è giusto che tu sappia che spesso questa molecola è protagonista nelle sedute di aromaterapia, grazie ai suoi effetti rilassanti e sedativi.

Leggi anche: Fim technique: in cosa consiste il fimming della cannabis

In conclusione

Come hai avuto modo di scoprire leggendo questo articolo, il bisabololo è un terpene molto aromatico e ricco di proprietà benefiche per l’organismo. Tuttavia, se hai una grande passione per la cannabis, è probabile che il tuo interesse non si limiti alla teoria ma includa anche la pratica. Tantissimi appassionati di canapa collezionano le infiorescenze e i semi di marijuana, e su SensorySeeds puoi trovare tantissime genetiche di semi autofiorenti, semi femminizzati e semi fast flowering.