Cannabicromene: tutte le proprietà del ‘fratello minore del THC’

Cannabicromene: cosa c'è da sapere su questo cannabinoide | Sensory Seeds

Cannabicromene: cosa c’è da sapere su questo cannabinoide

Quando si parla di cannabis, di solito si sentono citare il CBD e il THC, un po’ come se fossero due antagonisti all’interno delle stessa vicenda, ma pochi conoscono il CBC, o cannabicromene.

Se anche tu non ne hai mai sentito parlare e vuoi saperne di più, ti trovi nel posto giusto.

In questo articolo approfondiremo la questione e parleremo dei potenziali benefici di questo cannabinoide in ambito medico.

che cos'è il CBC | Sensory Seeds

Che cos’è il cannabicromene o CBC?

Il CBC, o cannabicromene, è un cannabinoide presente nella pianta di cannabis, accanto ai cannabinoidi più noti come CBD e THC.

A differenza del THC, il CBC non è intossicante, poiché non si lega bene ai recettori CB1 dei cannabinoidi nel cervello. Tuttavia, si lega ad altri recettori come TRPV1 e TRPA1, entrambi coinvolti nella percezione del dolore. Il CBC è noto anche per la sua capacità di aumentare i livelli di anandamide, un importante endocannabinoide naturale dell’organismo, quando attiva questi recettori.

A cosa serve?

Grazie alla sua interazione con il sistema endocannabinoide naturale dell’organismo e alla capacità di aumentare i livelli di anandamide, il CBC può essere utile:

  • nella lotta contro il cancro;
  • per bloccare il dolore e l’infiammazione causati dall’artrite indotta dal collagene;
  • come neuroprotettore per condizioni come il morbo di Alzheimer;
  • per contrastare lo stress ossidativo;
  • per il trattamento dell’acne e della depressione (se usato insieme a CBD e THC).

Ma vediamo di approfondire.

Leggi anche: Olio di canapa: come si produce e quali sono le differenze con l’olio di CBD

Questi i possibili impieghi del CBC in ambito medico

Le prime ricerche mostrano che il CBC può essere utile nel trattamento di diverse condizioni di salute di cui abbiamo fatto menzione poco fa. Sebbene i risultati sui benefici del CBC siano ancora carenti, la ricerca è promettente.

Ecco dunque cosa suggeriscono alcune delle attuali prove scientifiche su questo cannabinoide.

Depressione e ansia

Il CBC potrebbe essere estremamente efficace nel trattamento dell’ansia e della depressione e se si combina con il THC e il CBD per fornire un effetto di entourage di proprietà che migliorano l’umore. Il CBC e il CBG potrebbero addirittura essere più potenti dei cannabinoidi più famosi (quindi THC e CBD) nel trattamento dell’ansia e della depressione, ma sono necessarie ulteriori ricerche per corroborare le prove aneddotiche sempre più numerose.

Dolore e infiammazione

È stato dimostrato che il CBC è potenzialmente utile nella gestione del dolore; inoltre, può contribuire anche a desensibilizzare alcuni canali e può combinarsi con THC e CBD per creare un antinfiammatorio particolarmente potente. Infine, può influenzare i recettori coinvolti nel rilevamento del dolore e nella regolazione del calore corporeo.

Cancro

Uno studio sugli effetti antitumorali dei cannabinoidi diversi dal THC ha rilevato che il CBC è il secondo cannabinoide più efficace nell’inibire la crescita di nuove cellule tumorali. In questo studio è emerso che CBG e CBC sono composti antitumorali particolarmente potenti.

Parte dell’efficacia del CBC nel sconfiggere il cancro sembra essere legata alla sua capacità di aumentare la quantità di anandamide nell’organismo. Come abbiamo anticipato all’inizio di questo articolo, l’anandamide è un neurotrasmettitore che svolge un ruolo importante:

  • nel dolore;
  • nell’umore;
  • nell’appetito;
  • nella memoria;
  • nella fertilità;
  • in altre funzioni cruciali.

Le pazienti che soffrono di tumori al seno positivi agli estrogeni potrebbero dover garantire un certo livello di anandamide nell’organismo e spesso ricorrono all’assunzione di THC per questo. Il CBC e il CBD possono mantenere le proprietà del THC ma a differenza di quest’ultimo non sono promotori degli estrogeni corresponsabili del tumore.

Ma non è tutto.

È stato riscontrato anche che il CBC è in grado di combattere il cancro al seno in vitro e in vivo (in un organismo vivente), dando buona speranza che il cannabicromene e altri cannabinoidi possano prevenire lo sviluppo del cancro.

Condizioni neurologiche

Come se non bastasse, il CBC si è dimostrato particolarmente promettente come composto in grado di promuovere una sana funzione cerebrale.

Uno studio del 2013 ha dimostrato che il cannabicromene ha un effetto positivo sulle cellule responsabili dello sviluppo del cervello dei bambini e svolge un ruolo importante nell’apprendimento e nella memoria degli adulti.

Le proprietà terapeutiche del CBC lo rendono potenzialmente molto utile anche nel trattamento di malattie neurologiche e patologie cerebrali come le lesioni cerebrali traumatiche (TBI), la sclerosi multipla (SM), il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

Acne

Per concludere, il CBC possiede potenti proprietà antinfiammatorie e, come il CBD, sopprime l’eccessiva produzione di lipidi nelle ghiandole sebacee (produttrici di olio). E, di fatto, l’ostruzione delle ghiandole sebacee è implicata nello sviluppo dell’acne.

proprietà del CBC | Sensory Seeds

Cannabicromene: ci sono effetti collaterali?

Al momento, ci sono limitate prove riguardanti i possibili effetti collaterali di questo cannabinoide. Abbiamo visto che il CBC ha indubbiamente delle proprietà benefiche e un promettente potenziale in ambito medico. Tuttavia, è importante ribadire che gli studi sono ancora in corso e che questi effetti di cui sopra necessitano di ulteriori approfondimenti.

Detto questo, al momento non sono stati rilevati effetti collaterali degni di nota, in quanto il CBC non crea uno stato di dipendenza come il THC, ma risulta essere ‘innocuo’ come il cannabidiolo.

Leggi anche: L’hotboxing, una curiosa pratica secolare di cui, probabilmente, non hai mai sentito parlare

Conclusioni

In questo articolo abbiamo parlato del cannabicromene o CBC, un cannabinoide meno conosciuto della cannabis ma dalle molteplici proprietà. Tuttavia, le sue potenzialità necessitano di ulteriori studi e analisi ma, come abbiamo visto, i risultati sembrano essere promettenti.