Marijuana rossa: caratteristiche ed effetti di questa varietà

Marijuana rossa | Sensoryseeds

Pubblicato il: 12/10/2023

Uno sguardo ravvicinato alla Red Critical, una rara varietà di cannabis tra le più ammirate per il suo aspetto e non solo

La sorprendente variabilità cromatica della marijuana ha sempre affascinato gli appassionati e gli esperti del settore.

Tra le molteplici sfumature, quella che più cattura l’attenzione è senza dubbio la marijuana rossa. Questa particolare varietà, emergente da una selezione genetica ad hoc, non solo si distingue per la sua distintiva tonalità, ma anche per le sue caratteristiche e effetti unici.

Mentre la maggior parte delle persone quando sentono parlare della comune cannabis pensano alle solite varietà di colore verde, pochi sono veramente consapevoli della profondità e complessità della ‘Red Critical‘, la marijuana rossa per eccellenza.

 

Nel seguente articolo, ci addentreremo nel cuore di questa varietà, esplorando le sue origini, le sue peculiarità e gli effetti esercitati sul corpo umano. Ma prima, uno sguardo rapido alla tavolozza di colori che è possibile osservare nel mondo della marijuana.

Leggi anche: Aumentare la creatività con la cannabis: è davvero possibile?

Marijuana rossa

Nella marijuana i fiori rossi non sono poi così rari, ma le cime e le foglie questo colore sono decisamente meno comuni.

La cannabis di colore rosso è una pianta geneticamente selezionata e nasce dalla combinazione di tre tipi di varietà: ruderalis, indica e sativa. La Red Critical, in particolare, è conosciuta soprattutto per i suoi effetti ibridi, che offrono contemporaneamente grande sollievo al corpo e alla mente, ed è nota per il suo aroma inebriante.

Esistono anche alcune varietà con bellissime sfumature di rosa, come la Predator Pink, o la Pink Kush con riflessi tendenti quasi sul fucsia. Si tratta di ibridi a predominanza Indica con potenti effetti sul corpo, noti per la loro capacità di contrastare la sensazione di dolore, l’insonnia e la perdita di appetito.

Marijuana gialla | Sensoryseeds

Marijuana arancione e gialla

I carotenoidi producono le tonalità calde presenti in molti ortaggi, come carote, zucche, patate dolci, zucche e pomodori. e, quanto presenti nella cannabis, possono conferire alla pianta delle interessanti sfumature agrumate color giallo, oro e arancione. Per ottenere questi colori sono necessarie condizioni più alcaline, vale a dire un pH tendente verso il basico, e le tonalità sopra citate tendono a emergere naturalmente al termine della fase di fioritura.

L’arancione, di norma, interessa soprattutto i fiori e le cime, come nel caso delle varietà Agent Orange, Orange Blossom o Tangerine Dream. Queste sono note per i loro aromi di agrumi appena tagliati e sono considerate eccellenti stimolatrici dell’umore.

Passando, invece, alle varietà tendenti al giallo, queste possono assumere tale colore in seguito alla presenza di molecole come il betacarotene, il licopene, la luteina e la zeaxantina, tra gli oltre 750 carotenoidi identificati fino ad oggi che il corpo può convertire in vitamina A. Anche molti flavonoidi sono gialli e possono influenzare i colori della cannabis.

Le varietà gialle includono la Lemon Haze, la Golden Lemon e la Strawberry Banana. Conosciute per i loro aromi dolci e agrumati e per l’alto contenuto di THC, si dice che stimolino uno stato d’animo sereno e positivo e che acuiscano la creatività e la consapevolezza sensoriale.

Marijuana verde

Il verde è il colore predominante della maggior parte delle piante da fiore, compresa la cannabis, grazie alla presenza di clorofilla. Spesso i tessuti delle piante ne possiedono così tanta che il loro colore verde maschera la presenza di altri pigmenti.

Marijuana blu

I fiori di cannabis con sfumature blu hanno un alto contenuto di antociani e sono tra i più belli dal punto di vista visivo.

Tutti i tipi di marijuana di questo colore discendono dalla Blueberry (termine scelto per ricordare il frutto del mirtillo), selezionata ad Amsterdam negli anni Settanta. Le varietà più popolari tra queste sono la Blue Haze, la Blue Mystic e la Blue Cheese.

Queste varietà a predominanza Indica sono note per i loro effetti di tipo ‘stoned’ e per questo sono ricercate per rilassarsi e per dare sollievo a spasmi muscolari, dolore o stress.

Marijuana indaco

Esistono alcune varietà rare che sono di un indaco così scuro da sembrare quasi nere. L’origine di queste genetiche può essere fatta risalire alle varietà vietnamite, come la Vietnamese Black. Le altre varietà derivate da ibridi, come la Black Willy e la Black Tuna, condividono sia le cime caratteristiche che le foglie color ebano.

Marijuana viola

Le varietà di cannabis viola sono probabilmente le più popolari, come la Granddaddy Purple, la Purple Haze e la Purple Urkle. Queste tipologie di marijuana, a differenza della tradizionale cannabis verde, tendono ad essere più fruttate, a causa dell’elevato numero di antociani.

La Purple Orangutan (o Gorilla) ha alcune delle più forti sfumature viola del mondo. Questo ibrido, a prevalenza indica, produce cime rigogliose e spesse, ricoperte di tricomi e di sfumature viola.

Cima di Red Critical | Sensoryseeds

La Red Critical, la marijuana rossa per eccellenza

Come abbiamo visto, esistono diverse varietà di cannabis, relativamente alle differenze di colore, ognuna con caratteristiche ed effetti specifici che la rendono unica rispetto alle altre.

Un chiaro esempio è la marijuana rossa, un composto vegetale famoso per i suoi effetti sedativi, ben rappresentata dalla rossa per eccellenza: la Red Critical.

Questa è, come abbiamo già visto in apertura, una pianta selezionata appositamente attraverso l’incrocio di diversi tipi di marijuana, cioè la è stata creata a partire dall’unione di tre generi di cannabis: ruderalis, indica e sativa.

Durante la maturazione, le piante assumono un colore violaceo o rossastro con toni molto scuri, un fenomeno che interessa soprattutto le cime e, in parte, anche le foglie. Questa dinamica si manifesta in circa 4 piante su 5.

Dopo la raccolta e dopo essere state essiccate, le infiorescenze assumono una tonalità ancora più scura, perfino virando verso il viola, con toni nerastri.

In aggiunta, l’influenza del patrimonio genetico della ruderalis che fa sì che la Red Critical abbia una fase di fioritura indipendente dal ciclo giorno-notte, rimanendo stabile durante tutte le fasi di crescita, una caratteristica che la fa entrare di diritto nel novero delle autofiorenti.

Un altro aspetto ben noto e amato della Red è il suo profumo, un fattore tra quelli più tipici e dunque utili per riconoscerla da altre varietà simili che cercano di imitarne l’impatto olfattivo. L’odore della Red Critical è assolutamente inimitabile, il sentore di frutta si combina perfettamente con quello di muschio e i suoi effetti rilassanti fanno sì che sia davvero estremamente difficile confonderla con altre tipologie di cannabis per chi conosce bene questa fragranza.

Una panoramica sugli effetti della marijuana rossa

La marijuana rossa è ben nota per i suoi effetti ibridi, che offrono contemporaneamente grande sollievo al corpo e alla mente.

Non possiede un livello di THC così alto da rischiare veri e propri stati di semi-catatonia o momenti di alterazione, ma sicuramente offre una sensazione di rilassamento duratura e può aiutare a stimolare il riposo e il sonno.

Chi ne fa uso testimonia di provare, innanzitutto, la sensazione di essere investiti da un’ondata di leggerezza e sollievo, sentendo i muscoli sciogliersi lentamente e rilassarsi completamente. In tanti sostengono offra una sensazione di benessere che colpisce sia il corpo che la mente, aiutando chi la prova a lasciar andare tutti i pensieri negativi e lo stress accumulato durante la giornata.

La marijuana rossa viene spesso ricercata non solo da chi si trova ad affrontare problemi di ansia o stress, ma anche da chi spera di trattare situazioni più gravi come dolori cronici, artrite, tremori o spasmi.

Tutto questo dura circa un paio d’ore, in cui si sperimenta un relax totale che va, ovviamente, a diminuire man mano che gli effetti della Red Critical abbandonano il corpo.

Leggi anche: Cosa sono i cannabinoidi sintetici e perché rappresentano un pericolo per la salute

In conclusione

La marijuana di colore rosso, una variante della quale la tipologia più conosciuta è nota come Red Critical, è una varietà geneticamente selezionata che si distingue per la sua colorazione violacea o rossastra durante la fioritura.

Questa pianta estremamente rara offre cime di colore rosso scuro con sfumature nerastre una volta essiccate e si distingue per il suo profumo caratteristico, che combina note fruttate e muschiate, e per i suoi effetti ibridi che danno sollievo sia al corpo che alla mente.

Chi l’ha provata sostiene di aver sperimentato un senso di relax duraturo, anche al livello muscolare. Pertanto, questa varietà è spesso ricercata da chi desidera trovare qualcosa in grado di dare sollievo da stress, ansia, dolore cronico, artrite, tremori o spasmi.

Al netto di tutto ciò, ricordiamo ai nostri lettori che in Italia il consumo di cannabis di qualsiasi tipo rimane ancora vietato dalla legge. Pertanto le informazioni offerte in questo articolo vanno considerate esclusivamente a scopo divulgativo. Questo, però, non significa che, se sei un appassionato di questo campo, tu non possa mettere le mani sulla Red Critical. O meglio, sulle sue semenze.

Qui su Sensoryseeds puoi trovare semi di marijuana da collezione delle migliori varietà più in voga negli Stati Uniti. E abbiamo anche la Red!

Dai un’occhiata ai nostri prodotti e assicurati l’acquisto di semi di cannabis di alta qualità!

💡Takeaways sulla marijuana rossa

  • La cannabis presenta una sorprendente varietà di colori, tra cui il verde, il rosso, il giallo, il blu, l’indaco e il viola, ognuno con caratteristiche uniche.
  • La marijuana rossa, come la Red Critical, è il risultato di una selezione genetica che combina tre tipi di varietà di cannabis: ruderalis, indica e sativa.
  • La Red Critical è conosciuta per i suoi effetti ibridi, che offrono sollievo sia al corpo che alla mente. Nonostante non abbia un elevato livello di THC, induce una sensazione di rilassamento duratura.
  • La Red Critical ha un profumo inconfondibile che combina note fruttate e muschiate, il che la rende facilmente riconoscibile rispetto ad altre varietà.
  • Le varietà di cannabis con colori diversi, come l’arancione, il giallo, il blu, l’indaco e il viola, offrono aromi e effetti specifici, ad esempio, stimolanti dell’umore o rilassanti, a seconda delle tonalità e dei composti presenti.

FAQ sulla marijuana rossa


Cos’è la marijuana rossa?

La marijuana rossa è una varietà di cannabis geneticamente selezionata, caratterizzata da cime e foglie di colore rosso o violaceo. Questa varietà è conosciuta per i suoi effetti ibridi e il suo aroma inebriante.

Quanti colori diversi di marijuana esistono?

Esistono diverse varietà di cannabis con colori diversi, tra cui la marijuana rossa, la marijuana arancione e gialla, la marijuana blu, la marijuana indaco e la marijuana viola. Ogni varietà ha caratteristiche e effetti unici.

Quali sono gli effetti della marijuana rossa?

La marijuana rossa è conosciuta per i suoi effetti ibridi che offrono sollievo al corpo e alla mente. Non ha un alto livello di THC, ma offre un rilassamento duraturo, può stimolare il sonno e aiutare a trattare condizioni come ansia, stress e dolore cronico.