Cannabis Ruderalis: definizione, caratteristiche e origini di questa varietà di marijuana

cannabis ruderalis origini e caratteristiche

Che cos’è la Cannabis Ruderalis, importante genitore dei semi di cannabis autofiorenti, quali sono i suoi effetti e le sue caratteristiche.

Quando si parla di cannabis, si pensa tendenzialmente alla Indica e alla Sativa come specie predominanti da cui derivano tutti i semi di marijuana. In realtà, dobbiamo considerare anche un’altra tipologia di marijuana, ovvero la Cannabis Ruderalis.

Tale varietà, sempre più famosa dalla diffusione dei semi autofiorenti, è in realtà ritenuta come una sottocategoria e spesso non considerata dagli studiosi.

Ma noi esperti di marijuana sappiamo bene della sua esistenza e vogliamo parlartene nei minimi dettagli.

Che cos’è la Cannabis Ruderalis e quali sono le sue origini?

pianta di cannabis ruderalis
Foto creata da jcomp – it.freepik.com

In botanica, una pianta è detta “ruderale” quando cresce in un ambiente popolato da esseri umani o influenzato da fenomeni naturali che potrebbero disturbare la crescita della vegetazione.

Numerose persone pensano che la Cannabis Ruderalis sia un’Indica che si è via via adattata ai climi rigidi e ai fotoperiodi più brevi delle regioni in cui cresce. Infatti questo tipo di marijuana ha origine nelle zone dell’Asia e dell’Europa centrale e orientale, in particolare nel territorio della Russia.

Se prima era una specie selvatica, da diversi anni a questa parte viene utilizzata come genitore di numerose varietà di cannabis (insieme a ceppi di Indica, Sativa o ibridi) al fine conferire le proprie caratteristiche ai nuovi ceppi.

Leggi anche: Cannabis autofiorente? Ecco che cos’è e quali le sue caratteristiche

Caratteristiche della Cannabis Ruderalis e differenze con l’Indica e la Sativa

La Ruderalis è infatti particolarmente apprezzata per queste peculiarità, che la distinguono in maniera netta dalle altre 2 specie:

  • Piccola altezza: di solito, quando i fiori sono maturi, le piante di Ruderalis presentano un’altezza che va dai 30 ai 60 cm. Non a caso, le piante autofiorenti nane hanno tutte genetica Ruderalis, nessuna esclusa. La differenza di altezza è netta rispetto alla cannabis Sativa, che può arrivare fino ai 5 metri d’altezza, e alla Indica, che arriva a 1,50 metri circa.
  • Cime di modeste dimensioni ma allo stesso tempo pesanti, tanto che vengono sostenute da rami estremamente spessi e molto robusti.
  • Basso contenuto di THC, dovuto anche alla scarsità di luce ricevuta, in condizioni naturali, dalla pianta. Ricordiamoci che la Ruderalis si è dovuta adattare a condizioni ambientali estreme, ovvero scarsità di luce naturale, intemperie, parassiti, muffe e tanto altro ancora! È perfettamente normale che le percentuali di cannabinoidi non siano al massimo.
  • Fioritura automatica. Ciò significa che i fiori si sviluppano automaticamente, in base all’età della pianta. A differenza delle Indica e Sativa che sono stagionali, il fotoperiodo non influenza in alcun modo la fioritura della Ruderalis, la quale arrivata a una certa età (poche settimane di vita) inizia a produrre bud ricchi di cannabinoidi.

Ecco spiegato il motivo per cui dagli incroci tra Ruderalis e Indica o Ruderalis e Sativa si ottengono semi di cannabis autofiorenti!

Piante autofiorenti: cosa sono e quali caratteristiche ereditano dalla Ruderalis?

cannabis autofiorente con genetica ruderalis

La cannabis autofiorente deriva dall’incrocio tra la Ruderalis e varietà ibride di Indica e Sativa. Ciò significa che le varietà automatiche ereditano caratteristiche genetiche della Sativa, dell’Indica e della Ruderalis!

Sono un mix perfetto di queste varietà, e non è un caso che i semi di cannabis autofiorenti siano tra i più richiesti del nostro shop SensorySeeds.

Ecco, infatti, quali sono le qualità della cannabis a fioritura automatica:

  • Alto contenuto di THC (trasmessa dalla Sativa e dall’Indica)
  • Grande produzione di fiori (anch’essa ereditata dall’Indica e dalla Sativa)
  • Fioritura automatica, a prescindere dal fotoperiodo, come la Ruderalis (nonostante ciò, le specie autofiorenti fioriscono al meglio e producono grandi quantità di cannabinoidi quando ricevono grandi quantità di luce, ad esempio 24/24 h oppure 18 ore di luce e 6 di buio)
  • Bassa statura: le autofiorenti nane partono da un’altezza di 60 cm, mentre le varietà XXL arrivano fino ai 2 metri (la statura contenuta deriva dalla genetica Ruderalis)
  • Resistenza a condizioni estreme, ad esempio scarsità di luce, intemperie, parassiti e muffe (caratteristica ereditata dalla Ruderalis)

Tutte queste caratteristiche rendono i semi di cannabis autofiorenti perfetti per la coltivazione Indoor, Outdoor e Greenhouse.

Ricorda, però, che in Italia non è ancora permesso coltivare cannabis, in quanto l’uso personale è un illecito amministrativo e la distribuzione è un reato penale.

Leggia anche: Semi di marijuana Gelato XXL: caratteristiche e informazioni utili sui prestigiosi semi BSF

Quali sono le migliori varietà autofiorenti?

Le migliori piante autofiorenti sono quelle che racchiudono le caratteristiche tipiche della specie ma, allo stesso tempo ne esaltano le migliori.

Ad esempio, i coltivatori preferiscono (di solito) i semi di marijuana che generano piante autofiorenti XXL, ricche di fiori di grandi dimensioni, di cannabinoidi, e dalla fioritura estremamente veloce.

Ancor meglio se femminizzate.

Ebbene sì, le migliori varietà autofiorenti sono femminizzate, dunque hanno oltre il 90% di possibilità di nascere di genere femminile, produttrici di fiori e di cannabinoidi.

Queste sono esattamente le caratteristiche che la banca dei semi BSF Seeds ha cercato di far confluire (con grande successo) nei propri semi, che trovi a un prezzo speciale sul nostro shop Sensory Seeds. Non a caso, BSF è l’acronimo di Bigger, Stronger & Faster, ovvero “più grandi, più forti e più veloci”!

Cosa aspetti?

Acquista subito i migliori semi di cannabis BSF sul nostro negozio online. Ti aspettiamo!