Dove trovare semi di marijuana ideali per la coltivazione in lana di roccia.

SEMI DI CANAPA IN LANA DI ROCCIA

Ecco come si usa la lana di roccia nella coltivazione della canapa.

Molti amanti della cannabis si chiedono dove trovare dei semi di marijuana ideali per la coltivazione in lana di roccia: ma sei veramente sicuro di voler coltivare semi di canapa in cubi di rockwool? Prima di farlo, ci sono alcune cose che dovresti assolutamente sapere.

Innanzitutto la coltivazione della cannabis in Italia è illegale: la pianta di canapa produce infiorescenze contenenti THC, il principio attivo della marijuana, illegale in percentuali sopra lo 0,5%. Per tale motivo la coltivazione della canapa è proibita, anche se non costituisce più un reato penale in caso di piccola coltura per uso personale: quello che è totalmente legale è invece vendere ed acquistare semi di cannabis. Ma qual è il motivo?

Devi sapere che i semi di ganja non contengono THC in sé e allo stato inattivo vengono perciò considerati alla stregua dei semi comuni di altre tipologie di piante.

semi di cannabis e rockwool

Il problema legale sorge quando essi vengono fatti germinare, dato che darebbero vita ad una pianta di canapa che produrrebbe fiori con un alto contenuto di THC.

Quindi se ti stai chiedendo dove acquistare semenze di marijuana la risposta è in un grow shop, fisico o online, come ad esempio Sensory Seeds, e se vuoi farli germogliare, sappi che corri un grosso rischio. Teoricamente le destinazioni d’uso dei semi di maria in Italia sono le seguenti:

  • Collezionismo
  • Uso alimentare
  • Mangime per uccelli e roditori
  • Esche per la pesca

L’utilizzo della lana di roccia come substrato per la coltura della canapa è una tecnica molto particolare e ha, come tutte le altre, dei pro e dei contro. Andiamo a vedere in cosa consiste e quali sono i pregi e i difetti della coltivazione delle semenze di cannabis nella lana di roccia.

Leggi anche: Improvvisare e far germogliare semi di cannabis in Italia? Potrebbe essere una pessima idea.

Coltivare semi di canapa nella lana di roccia: che cos’è e quali sono i vantaggi e svantaggi del suo utilizzo.

Probabilmente avrai già sentito nominare la lana di roccia ma non sapevi che fosse utilizzata anche per la coltivazione dei semi di cannabis e non sarebbe tuttavia così strano se non avessi la più pallida idea di cosa essa sia. I cubi di lana di roccia sono, al contrario di ciò che si pensa, un prodotto artificiale, creato dall’uomo per imitare un fenomeno naturale tipicamente hawaiano.

I capelli di Pele sono infatti dei filamenti di vetro basaltico nati dall’eruzione vulcanica del Kilauea, nelle isole Hawaii: a causa del forte vento la lava si solidifica in una forma filamentosa che ricorda i capelli biondi, proprio come quelli del dio Pele. Artificialmente si riproduce quindi questo processo naturale, facendo solidificare scorie basaltiche in forma filamentosa, mediante dei flussi d’aria, per ottenere i cubi di lana di roccia.

Il vantaggio di questo tipo di substrato per la coltura dei semi di canapa è legato al suo gradiente di umidità, capace di trattenere e distribuire in modo omogeneo tutte le sostanze nutritive nebulizzate su di esso. Tuttavia, la lana di roccia tende ad asciugarsi facilmente in superficie, rimanendo più umido nella parte appoggiata al terreno, perciò va monitorata costantemente.

Un altro grande pregio dei cubi di rockwool per la coltura delle semenze di marijuana è quello di poterli inserire in cubi più grandi man mano che la pianta cresce, senza disturbare in alcun modo le sue radici. In questo modo si eviterà di dover spostare le plantule di cannabis da un vaso ad un altro, tutelando la loro buona salute.

Questo tipo di substrato viene utilizzato molto spesso nelle colture di marijuana idroponiche professionali, proprio per via del potere assorbente dei suoi filamenti. Tuttavia, se ben si sposa nei sistemi idroponici professionali, presenta dei rischi nella gestione della coltura casalinga, legale in alcuni comuni della Spagna.

Infatti il potere assorbente dei filamenti è un’arma a doppio taglio: se mal gestito può portare a sovraccarico di liquidi nella parte sottostante o eccessiva secchezza, dato che in poche ora essi tendono a scivolare via. Se usata al di fuori di un sistema idroponico, la lana di roccia va seguita in modo molto attento da questo punto di vista, sia per evitare che resti asciutta per troppo tempo che per non avere un sovraccarico di nutrienti nella pianta.

Andiamo ora a vedere quali sono i passaggi principali per coltivare semi di ganja nella lana di roccia.

Coltivare i semi di cannabis nella lana di roccia: ecco come farlo.

semi di marijuana in lana di roccia

Come detto in precedenza, la coltivazione delle semenze di canapa non è legale nel nostro paese, in quanto esse porterebbero alla produzione di fiori con alto THC. Tuttavia ci sono stati in cui la legge permette la coltura casalinga della marijuana per uso personale, come accade in alcune città della Spagna.

Se si dovesse scegliere di coltivare i semi di maria nei cubi di lana di roccia, bisognerà innanzitutto sapere prima come gestire questo tipo di substrato. Se da un lato esso possiede un alto potere assorbente, dall’altro ha invece uno “scivolamento” rapido dei liquidi nella parte sottostante, da tenere sotto controllo per evitare brutte sorprese.

Per prima cosa dovresti sapere che la lana di roccia ha mediamente un PH 7, troppo alcalino per la coltura dei semi di cannabis, perciò prima di utilizzarlo bisogna trattarlo. Ciò che bisogna fare è immergere il cubo di rockwool in una soluzione nutritiva con pH al 4,5 e CE (conducibilità elettrica) allo 0,4–0,5, in modo da stabilizzare il PH del cubo in modo adeguato.

Per essere sicuri di aver ottenuto il valore idoneo alla coltura dei semi di marijuana, bisogna bagnare il cubo con una soluzione nutritiva con PH 5,5 e misurare il PH del deflusso dai filamenti: se resta uguale esso è pronto. Al contrario, se è ancora troppo alto, sarà bene reimmergerlo nella prima soluzione per qualche ora e poi rifare il test, fino al raggiungimento del PH desiderato.

Fatto ciò, si potrà finalmente adagiare il seme di cannabis nel cubo di rickwool, dopo averlo precedentemente lasciato a bagno in acqua tiepida o inumidito nelle 24 ore precedenti utilizzando della carta assorbente, il tutto rigorosamente al buio. Una volta attivato, in pochi giorni il seme di maria si schiuderà e nascerà il primo germoglio di cannabis, che aprirà a breve i suoi cotiledoni, le prime due foglie tondeggianti, e arpionerà le sue radichette ai filamenti del cubo.

Appena adagiato il seme nella lana di roccia, sarà bene che esso rimanga ad una temperatura costante di 20°-25°, ottenibile all’occorrenza con una lampada idonea, accesa sopra il cubo. Mantenere l’umidità è molto importante, perciò a meno di aver creato un sistema idroponico automatico, bisognerà controllare spesso il livello di impregnamento del cubo di lana di roccia.

Una volta ben radicato, il seme di canapa potrà essere ricollocato, senza ovviamente doverlo estrarre dal primo, in un cubo di rockwool più grande, previamente trattato come abbiamo visto in precedenza. A questo punto le piantine di canapa saranno pronte per essere esposte alla luce artificiale in una stanza di coltivazione.

Leggi anche: Dove trovare semi di cannabis di qualità: 5 paesi produttori di vere e proprie eccellenze.

Dove acquistare semi di canapa idonei alla coltivazione in lana di roccia.

Come hai avuto modo di leggere in questo articolo, coltivare i semi di ganja nella lana di roccia ha i suoi pro e i suoi contro. Il suo utilizzo è sicuramente più adeguato alle colture professionali ma nulla vieta di sfruttarlo anche in casa, nei paesi laddove sia consentita la coltura delle semenze di maria, con adeguata attenzione.

Se ti stai chiedendo dove trovare semi di marijuana idonei a questo tipo di coltivazione, la risposta è Sensory Seeds, il nostro shop online di semi di cannabis. Al suo interno troverai tantissime varietà di semi di canapa marchiate BSF Seeds, dai semi femminizzati ai semi autofiorenti, oltre quelli a fioritura rapida.

Avrai insomma l’imbarazzo della scelta e la possibilità di ricevere in pochi giorni i migliori semi di cannabis direttamente a casa tua e con un imballo totalmente anonimo, per preservare la tua privacy.

Che aspetti allora? Clicca qui ed entra subito su Sensory Seeds, lo shop online con i migliori semi di canapa del mercato!